Valgrisenche in autunno

LE VALLATE PIÙ BELLE DELLA VALLE D’AOSTA: I POSTI IMPERDIBILI

Sembra che l’estate scorsa la montagna sia stata una meta gettonata per molti italiani. Sicuramente la pandemia ha rivoluzionato il modo di viaggiare delle persone, la voglia di stare all’aria aperta e in luoghi in cui poter mantenere un certo distanziamento si è fatta sentire, e forse per la prima volta anche molti amanti del mare e della salsedine hanno preferito una vacanza ad alta quota. Siccome anche quest’anno la situazione è abbastanza grigia, credo proprio che molta gente preferirà ancora una volta una vacanza lontana da luoghi molto affollati, prediligendo invece il contatto con la natura. Per questo motivo ho deciso di parlare in questo articolo di quelle che secondo la mia esperienza sono le vallate più belle della Valle d’Aosta: se state cercando idee per una prossima vacanza, prendete carta e penna, non ve ne pentirete!

Le vallate più belle della Valle d’Aosta: le valli del Monte Bianco

Val Veny

Iniziamo con due vallate che, chi si appresta ad avvicinarsi al maestoso Mont Blanc per la prima volta, non può certamente perdersi. La Val Veny si snoda, infatti, lungo il versante meridionale del Monte Bianco, a pochi passi dalla famosa Courmayeur, poco prima del tunnel automobilistico che collega Italia e Francia. In Val Veny tre sono state le destinazioni che abbiamo voluto raggiungere a tutti i costi: il rifugio Elisabetta (2195m di quota), il lago Combal e il lago del Miage (2020m). Il lago del Miage, in realtà, è composto da più specchi d’acqua, separati da detriti e ghiaia che lo scioglimento del ghiacciaio lascia cadere.

Le vallate più belle della Valle d'Aosta: i laghetti del Miage, in Val Veny.
Il lago Combal, in Val Veny

La strada che conduce dalla sbarra dell’inizio del sentiero (da cui è possibile lasciare l’auto) ai laghi del Miage e Combal è piuttosto semplice: asfaltata e poi sterrata, è adatta anche ai passeggini, che bisognerà poi lasciare da una parte gli ultimi metri del sentiero, per raggiungere i due laghi (bisognerà percorrere una via sterrata in salita, difficile farlo con il passeggino).
Proseguite l’escursione verso il rifugio Elisabetta, dove potrete fermarvi per un ristoro; la camminata per raggiungerlo è abbastanza semplice e dura all’incirca due ore (da dove avete lasciato l’auto). Vi ritroverete ai piedi del Monte Bianco, in un posto in cui regna la natura selvaggia!

Val Ferret

L’altra vallata che si sviluppa ai piedi del massiccio del Mont Blanc è la Val Ferret. Obbligatorio viverla sia d’estate che d’inverno, per assistere a panorami mozzafiato: il Dente del Gigante, le Grand Jorasses e il Mont Dolent spuntano percorrendo la valle sulla sinistra. In inverno gli amanti dello sci di fondo avranno pane per i loro denti, in estate km e km di sentieri attendono gli appassionati di trekking. Il rifugio che ci ha accolti durante la nostra giornata in Val Ferret è stato il rifugio Elena (2061m), vicinissimo al confine svizzero. Dopo aver lasciato l’auto in località Arnouva, in circa un’oretta abbiamo raggiunto il rifugio, ma abbiamo deciso di proseguire la nostra escursione raggiungendo il Col Grand Ferret (2537m), esattamente sul confine Italia-Svizzera.

Le vallate più belle della Valle d'Aosta: la Val Ferret, lungo il sentiero dopo il rifugio Elena.
L'arrivo al Col du Grand Ferret.

Provenendo da altri trekking fatti nei giorni precedenti, devo dire che per raggiungere il Col Grand Ferret ho patito un po’, non per la difficoltà del sentiero in se’, quanto piuttosto per la stanchezza e il male ai piedi che mi portavo a dietro da qualche giorno. Comunque ritengo sia un’escursione da fare assolutamente, il panorama è davvero unico, forse uno dei più emozionanti visti in Valle d’Aosta (le foto parlano da sole!)!

Le vallate più belle della VdA: Valsavarenche, Valgrisenche, Val di Rhemes

Valsavarenche

La Valsavarenche è probabilmente una delle vallate più selvagge di tutta la regione ed è situata nel cuore del Parco Nazionale del Gran Paradiso. Il sentiero che conduce da Pont (punto di partenza in cui lasciare la macchina) sino al rifugio Vittorio Emanuele II (2735m) non è affatto difficile, anzi, è solo un po’ lungo (circa 2.30-3 di cammino). Il rifugio è caratteristico per la sua architettura, una cappella e la storica struttura utilizzata dai Savoia come riserva di caccia. Al rifugio non sarà difficile incontrare tanti alpinisti di ritorno dalla vetta del Gran Paradiso; attraversando la pietraia che si trova dietro il Vittorio Emanuele, infatti, si giunge nei pressi del ghiacciaio.

Le vallate più belle della Valle d'Aosta: il rifugio Vittorio Emanuele, in Valsavarenche.
Il sentiero che porta verso il ghiacciaio del Gran Paradiso.

Valgrisenche

La Valgrisenche non può che rientrare nelle vallate più belle della Valle d’Aosta. Caratterizzata da un territorio molto selvaggio e incontaminato, occupata da ghiacciai e catene rocciose, tra cui la Testa del Rutor, che si eleva per 3486m. Abbiamo visitato questa valle sia in estate che in autunno, e devo dire che in entrambe le stagioni abbiamo visto pochi esseri umani qui, dunque se cercate un posto poco frequentato, questo fa sicuramente per voi. Il sentiero che conduce al rifugio Bezzi (2284m) non presenta alcuna difficoltà (tempo di percorrenza meno di due ore); l’unica cosa, anche in estate resistono delle lingue di neve lungo il torrente, residui delle valanghe invernali., dunque è necessario procedere in questi tratti con cautela.

Dal rifugio, poi, è possibile proseguire il sentiero raggiungendo il lago di san Martino. Noi purtroppo non ci siamo arrivati (e questo è un buon motivo per tornare in questa valle la prossima estate!), ma il gestore del rifugio ci ha detto che il panorama che si ammira dal lago è davvero meraviglioso (si vedono addirittura il Rutor e la vetta del Monte Bianco).

Le vallate più belle della Valle d'Aosta:  un'apertura della Valgrisenche con i colori dell'autunno.
La splendida Valgrisenche con i colori autunnali

Val di Rhêmes

Rhêmes-Notre-Dame si trova nel bellissimo Parco Nazionale del Gran Paradiso. Le escursioni partono lungo il tracciato dell’Alta Via n.2, che si sviluppa tra Courmayeur e Donnas. Non ci sono grandi impianti sciistici in questa zona, dunque si ha una conservazione davvero esemplare della natura e dei villaggi che la abitano. Il rifugio Benevolo (2285m) dista circa 1 ora e mezza da dove termina la strada e il sentiero non è per nulla difficile; volendo si può allungare l’escursione fino al lago Goletta. Anche qui il panorama è notevole!

Le vallate più belle della Valle d’Aosta: Val di Cogne, Valpelline, La Thuile

Concludo questo articolo citando tre vallate della Valle d’Aosta davvero imperdibili. Di queste vi rimando a tre articoli scritti nei mesi scorsi, troverete tutte le informazioni che vi servono!

Val di Cogne

Valpelline

La Thuile

Ragazzi, queste sono le vallate che mi sento di suggerirvi se state pensando ad una vacanza in Valle d’Aosta. Mi riprometto di aggiornare l’articolo nei prossimi mesi, pian piano che riuscirò a visitare anche le altre!

A presto,

Ciarly

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto